News

Centenario della Prima Guerra Mondiale, Faeto ricorda i suoi patrioti

Il 4 novembre 2018, Festa dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate, come in tutti i Comuni italiani, anche a Faeto si è svolta la doverosa manifestazione. La cerimonia, organizzata dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Associazione A. N. B. di Troia e lo Sportello Linguistico di Faeto, quest’anno è stata particolarmente sentita perchè, nel centenario della fine della prima guerra mondiale, la popolazione ha voluto ricordare e dare il tributo ai molti faetani che hanno dato la loro vita per la Patria. Dal Municipio è partito il corteo ritmato da un’allegra marcetta, inneggiata dai bambini delle scuole elementari e medie, e vivacizzata da bandiere tricolore. Dopo la benedizione sono state deposte le corone presso i Monumenti ai Caduti e reso gli Onori attraverso letture anche in francoprovenzale.

La cerimonia si è conclusa presso la sala “Pierino Pavia” dove, alla presenza di autorità civili, religiose e militari, sono stati ricordati i Caduti della Prima Guerra Mondiale con numerosi interventi, tra i quali quello del sindaco Michele Pavia, consegna di medaglie e attestati, canti, letture di documenti, poesie e lettere anche in francoprovenzale. Il coordinamento e l’istruzione dei bambini sono stati effettuati dallo Sportello Linguistico insieme all’aiuto prezioso della signora Filomena Santosuosso, custode della memoria del passato nonché orfana di guerra che ha dato la sua testimonianza.

I lavori dei bambini sono stati strutturati in modo da ripercorrere le varie fasi della vicenda pre e post bellica seguendo un ordine cronologico:

  • partenza del soldato che duetta con l’innamorata (“L’addio del Bersagliere”);
  • lettera dal fronte (lettera originale del soldato Pasquale Santosuosso);
  • vita dei familiari a Faeto (Poesia “Il pianto amaro”);
  • morte del Patriota (“pensieri del soldato che ci parla dall’aldilà”).

Nessun commento presente

Lascia un commento