News

Chieuti, il Teatro comunale si rifà il look anche per valorizzare la comunità Arbëreshë

Un milione e trecentomila euro a disposizione dei Comuni del GAL Daunia Rurale 2020 per qualificare l’offerta socio-culturale dell’Alto Tavoliere con servizi innovativi che renderanno più attrattivo il territorio. Sono stati i sindaci dei Comuni di San Severo, Apricena, Chieuti, Poggio Imperiale, San Paolo di Civitate, Serracapriola e Torremaggiore a firmare, presso la sede del Gal a San Severo, gli atti di concessione dei finanziamenti relativi agli Interventi 3.1 e 4.2 rivolti proprio a Comuni ed Enti Pubblici. A controfirmarli è stato il direttore del GAL Dante de Lallo.  I fondi serviranno a potenziare le strategie di valorizzazione del patrimonio culturale e rurale ed a migliorare l’attrattività socio-culturale dell’Alto Tavoliere anche per fini turistici, potenziando il legame dei cittadini con il territorio e la sua identità, ma senza tralasciare l’inclusione sociale.

 Grazie ai finanziamenti dell’intervento 3.1 il Comune di Chieuti riqualificherà il Teatro comunale dotandolo di tecnologie all’avanguardia, di un nuovo sistema antincendio, ma soprattutto rendendolo accessibile anche alle persone con disabilità. Il teatro sarà caratterizzato da una bi-identità, proprio per onorare la comunità Arbëreshë di Chieuti che insieme a Casalvecchio di Puglia, custodisce lingua, tradizioni e culture della minoranza linguistica albanese. «Con il nostro Piano di Azione Locale – spiega la presidente del GAL Pasqua Attanasio– siamo riusciti, nel rispetto degli obiettivi strategici indicati dalla Comunità Europea alle Regioni, a dare un sostegno alle aziende locali, ma anche agli Enti pubblici, contribuendo così alla crescita economica, culturale e sociale del nostro territorio. Siamo fieri di aver favorito, grazie ai nostri bandi, la costruzione e realizzazione di progetti virtuosi che renderanno più attrattivo l’Alto Tavoliere. Lo sviluppo di un territorio complesso, in un momento difficile come questo, prevede anche l’impegno dei vari attori a fare squadra. Vedere riuniti tutti i sindaci in sinergia con il nostro GAL è molto importante perché è sinonimo di volontà e desiderio di costruire un percorso virtuoso di ascolto delle esigenze del mondo produttivo oltre che di generare connessione e sviluppo sociale».

Nessun commento presente

Lascia un commento