News

“A tavola con le Aquile”, il libro di Antonio Caso è un viaggio nella gastronomia albanese ed arbëreshë

«Quando sei pugliese e trovi le petullat per le strade del Parku i Madhë di Tirana, non puoi non riflettere a quante altre sorprese potrebbe riservarti questa terra e a quanti collegamenti, influenze, punti di contatto potrebbero esserci con la tua (in pugliese si chiamano pettole o pittule). Questo libro è nato così, da una ricerca durata quattro mesi tra Tirana, Borsh, Gjirokastër, ma anche Kukës e Lezha. E poi San Marzano, Ururi, Villa Badessa e Punta Palascia a segnare il punto più vicino, quello in cui lo stretto è un ponte d’acqua salata». Introduce così Antonio Caso le pagine del suo libro “A tavola con le Aquile” , un viaggio nella gastronomia albanese ed arbëreshë. Un libro in cui è possibile collegarsi con la tradizione culinaria di Chieuti e Casalvecchio di Puglia, i due centri della provincia di Foggia in cui è ancora molto sentita la cultura arbëreshë.

Antonio Caso ha presentato il suo libro lo scorso 10 settembre presso il giardino dell’ASP “Castriota e Corroppoli” di Chieuti, in occasione dell’evento “Viaggio nel gusto arbëreshë” organizzato dal GAL Daunia Rurale che ha dato anche il suo patrocinio al volume. «Il libro divide l’Albania in settentrionale, centrale e meridionale trattando per ogni parte prodotti tradizionali e ricette. Dopodiché si va oltre lo stretto, in quella che per ogni albanese è l’Arbëria, dall’Abruzzo meridionale fino alla Sicilia, divisa anch’essa in Arbëria orientale ed occidentale. Questo viaggio, invece, interesserà prevalentemente le ricette, la lingue e le tradizioni di queste strane “colonie” che più che conquistare hanno contaminato e si sono fatte contaminare, hanno difeso la loro identità sentendosi parte di un mondo comune, quello dello Stretto d’Otranto. Si tratta di una vera e propria koiné che unisce le due sponde dell’Adriatico» evidenzia l’autore.
Chi vuole può scaricare e leggere il libro a questo indirizzo: https://antoniocasoorg.files.wordpress.com/2021/06/a-tavola-con-le-aquile.pdf

Nessun commento presente

Lascia un commento