News

Puglia e Albania insieme per la valorizzazione della minoranza arbëreshë

E’ stato siglato in questi giorni l’Accordo di cooperazione tra l’Assessorato regionale all’Istruzione, il Centro per gli studi le pubblicazioni arbëreshë QSPA di Tirana, l’Ufficio scolastico regionale per la Puglia, Teatro Pubblico pugliese e i Comuni di Chieuti, Casalvecchio di Puglia e San Marzano di Giuseppe, interessati dalla presenza della minoranza arbëreshë. L’Accordo, della durata triennale, prevede la realizzazione di azioni, iniziative e progetti culturali da svolgersi sia in Puglia che in Albania, con l’obiettivo di promuovere e tutelare la lingua minoritaria storica arbëreshë presente in Puglia, riconosciuta dalla Legge n. 482/1999 e altresì tutelata dalla Legge regionale n. 5/2012. L’iniziativa nasce in seguito al grande successo registrato dal programma regionale “Matria. Le lingue di ieri, di oggi, di domani”, promosso a settembre del 2021 dall’Assessorato all’Istruzione per tutelare e valorizzare tutte le minoranze linguistiche presenti in Puglia, ovvero il griko, il francoprovenzale e l’arbëreshë. Una grande operazione di rilancio realizzata attraverso il mondo della scuola con studenti e studentesse protagonisti di un viaggio alla scoperta delle loro radici in compagnia di soggetti di alto profilo del mondo della cultura, come Apulia Film Commission, Fondazione Notte della Taranta e Teatro Pubblico pugliese, per celebrare le diversità, il multiculturalismo, le lingue madri, incoraggiando in tal modo la tolleranza e il dialogo.

Il progetto Matria ha raccolto il plauso sia dell’Ambasciata italiana che dell’Istituto Italiano di Cultura di Tirana, che hanno particolarmente apprezzato l’impegno profuso dall’amministrazione regionale nel custodire gelosamente il prezioso patrimonio culturale di cui le minoranze linguistiche sono portatrici e che purtroppo rischia di scomparire. Il 9 Giugno 2022, infatti, “Matria” è stato illustrato all’Istituto Italiano di Cultura di Tirana dall’assessore regionale all’Istruzione, Sebastiano Leo, che in quell’occasione ha anche visitato il Centro per gli studi e le pubblicazioni arbëreshë – QSPA di Tirana, diretto dalla prof.ssa Diana Kastrati. Da qui l’intento di definire un Accordo di cooperazione per la tutela della lingua arbëreshë parlata in Puglia con la realizzazione di laboratori ed eventi in cui sarà favorita la partecipazione di scolaresche nazionali e internazionali provenienti da territori con lingua di minoranza e azioni di gemellaggio, al fine di promuovere, condividere, confrontarsi sulle diversità culturali e disseminare best practices di politica di tutela, promozione e valorizzazione delle lingue minoritarie storiche. L’iniziativa punta a favorire progettualità comuni anche con altre istituzioni che si occupano storicamente della tradizione arbëreshë: i dipartimenti delle Università pugliesi e non, l’Istituto di Cultura italiano di Tirana, l’Università di Tirana, etc.

Grandi protagonisti dell’Accordo i Comuni di San Marzano di San Giuseppe, Casalvecchio di Puglia, Chieuti dove si registra la presenza della popolazione arbëreshe già dal XV secolo, vista la favorevole posizione della regione negli scambi culturali ed economici con l’Albania. Inoltre, tutti gli attori dell’iniziativa, ciascuno per il proprio ambito di competenze, assumerà l’impegno di promuovere attività di insegnamento della lingua minoritaria storica arbëreshë presso le istituzioni scolastiche interessate, anche attraverso i linguaggi artistici teatrali e musicali, il coinvolgimento ludico degli studenti, il recupero delle parole storiche caratterizzanti la tradizione orale delle popolazioni di origine arbëreshë. Alla firma del Protocollo era oltre ai sindaci di Chieuti, Diego Iacono e Casalvecchio di Puglia, Noè Andreano, presente la Direttrice del Centro per gli studi e le pubblicazioni arbëreshë QSPA di Tirana, Diana Kastrati, che nei prossimi giorni sarà impegnata in una visita nei tre Comuni arbëreshë della Puglia con incontri e appuntamenti con le comunità locali.

«Con questo Accordo di cooperazione la Puglia e l’Albania – ha dichiarato l’assessore regionale Sebastiano Leo –  camminano insieme per celebrare le differenze e il multiculturalismo, elementi che devono essere fondanti nella nostra società contemporanea. Ancora una volta al centro ci sono e ci saranno i nostri studenti e studentesse con attività, laboratori, progetti, gemellaggi che uniranno i territori all’insegna della tradizione arbëreshë. Nei prossimi mesi vogliamo lanciare una grande convention con tutte le minoranze linguistiche presenti sul territorio nazionale, un importante momento di incontro e confronto sui temi dell’integrazione e del dialogo su cui la Puglia è ormai un modello».

Nessun commento presente

Lascia un commento